Login Form

Contatore

Abbiamo 15 visitatori e nessun utente online

19° recensione libro: Un libro sulla morte, un libro sulla vita

Valutazione attuale:  / 2


SCHEDA DI RECENSIONE LIBRO

(recensione a cura di Paolo)

 

AUTORE: Tiziano Terzani e Folco Terzani

TITOLO: La fine è il mio inizio 

EDITORE: Longanesi 

COSTO:  non conosciuto

 

TEMA TRATTATO: Il resoconto di una vita attiva, piena di spirito di curiosità e di voglia della scoperta. L’interesse al racconto della vita. Il tutto nel solco di un racconto fatto al termine della vita per accettare e “vivere” al meglio la morte. 

GIUDIZIO SINTETICO: E’ un libro che dà molte suggestioni pur assumendo spesso una valenza intimista da diario personale che finisce nella quotidianità della vita. Rappresenta un sommario delle vicende personali a lettura del mondo attuale e delle sue contraddizioni. Fornisce una lettura personale dell’umanità e del suo sviluppo. Condanna la modernità e la scienza come strumenti di inaridimento dell’umanità. Dà uno sguardo alla ricchezza della vita vissuta nella spiritualità della consapevolezza che l’unica vera crescita e l’unico vero sviluppo dell’umanità sta nel cambiamento del singolo e nel riconoscimento delle sue straordinarie potenzialità.

Un libro da leggere in un ambiente tranquillo per passare qualche ora (sono quasi 470 pagine). A volte diventa troppo diario e quindi può annoiare. Gli ultimi capitoli sono molto belli (Gandhi;La bomba;Upar,Upar; Per i giovani, Addio, Cucù – il più bello per me da leggere con attenzione). 

 

ALCUNE FRASI SUGGESTIVE 

Vedi, questa di morire è una cosa che vorrei evitare Mi piace molto di più l’espressione indiana lasciare il corpo. Infatti il mio sogno è di scomparire come se non esistesse questo momento del distacco. L’ultimo atto della vita, che è quello che si chiama morte, non mi preoccupa perché mi ci sono preparato. Ci ho pensato.

 

… omissis … è la mia vecchia teoria: se diventi un esperto di formiche capisci il mondo. Se ti dedichi con compassione, con amore, con tanto culo-sulla-seggiola a qualsiasi soggetto, arrivi a capire il mondo. Non occorre citare William Blake, “Vedere il mondo in un granello di sabbia e l’eternità in un’ora”

 

Io ho avuto la grande fortuna in tutta questa mia vita giornalistica che ho sentito la Storia, la Storia con la “S” maiuscola. Arrivavo in un posto, in una situazione, e mi rendevo conto se quella situazione era eccezionale o se era invece un pezzo di cronaca.

 

L’Islam fondamentalista ha preso il posto del marxismo-leninismo. Prima chi voleva combattere per un mondo diverso o, a loro modo, per un mondo migliore, contro il capitalismo occidentale, ricorreva al marxismo-leninismo perché era l’arma del tempo.  … omissis … Era l’arma ideologica che dava disciplina, che dava una struttura di riferimento. Quando quest’arma è scaduta ne è nata una nuova. Se non capisci questo non capisci nulla, non capisci Al Qaeda.

 

Bisogna capire, vedi, quando ti dicono che questi dittatori sono folli che non è mai vero. Hitler non era pazzo, Mao non era pazzo. Pol Pot non era pazzo, c’era una grande logica in quello che lui faceva e bisogna capirla se si vuol capire cosa è stato questo fenomeno. Pol Pot costruiva l’uomo nuovo. … omissis … Pol Pot fa distruggere anche tutte le pentole, perché pentola vuol dire famiglia, vuol dire un gruppo che si riunisce segretamente e bisbiglia. (ndr ogni dittatore ha un progetto che costa la vita a molte persone, ma non si può dire che è matto).

 

… omissis … la vita non si ferma. Tu puoi buttare il napalm, il sale, ammazzare tutti. Per un po’ non vedi niente. Poi – paff! Spunta una piantina, si apre un mercatino, due fanno l’amore e la vita ritorna con questa sua avidità di vivere!

 

… omissis … lo scappare è stata la mia natura. Proprio, se tu mi chiedi chi io mi sono sentito: sempre un evaso. Uno che scappa, C’era questa voglia di scappare sempre, sempre, sempre. Scappare da dove mi si teneva sotto controllo

 

Io sto benissimo. Sono in uno stato d’animo meraviglioso. Tutto quello che vedo, aspettando la mia fine, chiude il cerchio. Sai, c’era un famoso maestro zen e a un certo punto nella sua vita qualcuno gli chiede “Qual è il senso di tutto questo?” Allora lui prende un pennello cinese, lo tuffa nell’inchiostro e fa un cerchio. Questo è anche il mio sogno. E’ bello, no? Chiudere il cerchio.

 

Ricordati quello che ti dico: il primo passo di ogni guerra è la disumanizzazione del nemico. Il nemico non è un uomo come te, quindi non ha gli stessi diritti.

 

Senza i libri molti viaggi non mi sarebbero nemmeno venuti in mente. … omissis … Diciamoci la verità, le guide turistiche sono senza anima, sono fatte per saccopelisti che cercano la locanda dove si spende una rupia di meno. Non dicono niente, anche se ti fanno il raccontino della storia. Invece ci sono stati, nel passato, viaggiatori straordinari. E io h sempre viaggiato con loro. I libri erano i miei migliori compagni di viaggio. Stavano zitti quando volevo che stessero zitti, mi parlavano quando avevo bisogno che mi parlassero. Un compagno di viaggio invece è difficile perché impone la sua presenza. Le sue esigenze. Un libro no, tace. Ma è pieno di tante belle cose.

 

… omissis … bisogna conoscere per poter trovare.

 

I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c’è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta com’era per poter paragonare, per sentire un odore che non c’è più, o che c’è ancora.  

 

Non c’è cosa che colpisca di più del linguaggio della verità.

 

… omissis … tutte le rivoluzioni finiscono per incarognirsi così come tutte le religioni finiscono per istituzionalizzarsi, per irrigidirsi nelle loro abitudini e proteggere se stesse invece di andare avanti, di inventare vie nuove … omissis 

18° recensione degli "Amici di SOFIA": Un libro sulle "Molecole di emozioni"

Valutazione attuale:  / 0

SCHEDA DI RECENSIONE LIBRO

a cura di Paolo

  

AUTORE: Candace B. Pert 

TITOLOMolecole di emozioni 

EDITORE: TEA – Tascabili degli Editori Associati SpA 

COSTO: 9,00 euro

 

TEMA TRATTATO: il ruolo che hanno i neuropeptidi come molecole che trasmettono e comunicano emozioni all'interno dei complessi rapporti tra mente e corpo. Nel descrivere, su basi scientifiche, il ruolo di alcune molecole nell'espressione delle nostre emozioni, il libro ripercorre la storia di una ricercatrice sia come scienziato che come donna, storia caratterizzata da un cambiamento della stessa rispetto all'approccio verso la ricerca scientifica e verso la vita. 

GIUDIZIO SINTETICO: Si respira in questo libro la voglia naturale di raccontare, di passare emozioni agli altri. In modo particolare si sublima il dono della conoscenza a vantaggio del miglioramento della qualità di vita. Si esalta l'approccio olistico ai problemi clinici e si scopre (nel vero senso della parola) l'energia sottile che accomuna gli esseri viventi. Si esalta alla fine il forte legame tra mente, corpo e spirito che comunicano tra loro attraverso le emozioni.

Ed è un intreccio di emozioni vissute nella sfera privata che passano a quella da scienziata e viceversa. Interessante è sentire l'entusiasmo, la vitalità

del ricercatore, la voglia di scoperta ed al contempo l'ambizione allo stato puro. Emerge inoltre in sottofondo il senso di rivalsa e la frustrazione del sesso femminile verso quello maschile; ricorda la lotta per l'uguaglianza tra i sessi. 

  

ALCUNE FRASI SUGGESTIVE 

Le emozioni influiscono anche sul modo in cui facciamo scienza, oltre che sulla nostra salute o malattia.

 

 (ndr l’autrice parla delle sensazioni percepite nel corso di un esperimento che porterà poi alla scoperta dei recettori delle endorfine) La fragilità della vita, la spietata freddezza della scienza, la follia e la bellezza di tutta l’esperienza umana mi commossero, toccando una corda emotiva con tanta intensità che mi sembra ancora di avvertirne le vibrazioni.

 

Per me l’arcobaleno era un profondo simbolo di speranza, in quanto scinde la luce bianca delle apparenze in uno spettro multiplo, rivelando una dimensione nascosta. Mi faceva pensare che la missione della scienza consiste nel penetrare attraverso gli strati della realtà quotidiana per raggiungere la verità.

 

… omissis … la mente non domina il corpo, ma diventa corpo, in quanto corpo e mente sono una cosa sola. Le emozioni rappresentano l’espressione dell’azione dei neuropeptidi e dal momento che i neuropeptidi ed i loro recettori sono presenti anche nel corpo, si può concludere che la mente è nel corpo, nello stesso senso in cui la mente è nel cervello.

 

Emozioni.I neuropeptidi e i recettori, ovvero le basi biochimiche dell’emozione sono i messaggeri che trasportano informazioni per collegare fra loro i grandi sistemi dell’organismo in una sola unità che possiamo definire corpo/mente.

 

… omissis … io sono convinta che tutte le emozioni siano sane, perché sono le emozioni che tengono uniti la mente e il corpo. Ira, paura e tristezza, le cosiddette emozioni negative, sono altrettanto sane quanto serenità, coraggio e gioia. Reprimere queste emozioni e non lasciarle libere di fluire significa creare una dis-integrazione nell’organismo, facendo sì che agisca in modo contraddittorio, anziché come un tutto unico. … omissis… Tutte le emozioni sincere ed autentiche sono emozioni positive. La salute non consiste semplicemente nell’avere “pensieri felici”. A volte l’impulso più potente verso la guarigione può provenire da uno scatto d’ira repressa da tempo, che attiva il sistema immunitario.

 

Il segreto (ndr della guarigione o del benessere) è esprimere l’emozione e poi lasciarla andare, in modo che non continui a suppurare, o a lievitare, finendo così per sfuggire al controllo.

 

L’energia sottile è la quinta forza ancora misteriosa oltre alle quattro forze convenzionali note alla fisica – energia elettromagnetica, gravità, energia nucleare debole e forte – e spiegherebbe anomalie come il potere dell’amore.

 

Nella medicina ufficiale, l’importanza dello stile di vita per la prevenzione delle malattie vene ancora largamente ignorata. (ndr per migliorare lo stato di salute) … omissis …la differenza può essere rappresentata da un cambiamento nello stile di vita. La genetica è un fattore importante per determinare la suscettibilità di una persona alla malattia, ma uno stile di vita sano può essere altrettanto importante. (ndr Bisogna assumersi la responsabilità della propria salute).

 

Lo stile di vita delle persone sane, integre e coscienti:

 

1)      prendere coscienza di sé

2)      accedere alla rete psicosomatica

3)      attingere ai sogni

4)      entrare in contatto con il proprio corpo

5)      ridurre lo stress

6)      fare esercizio fisico

7)      mangiare con saggezza

8)      evitare ogni abuso

 

Una pratica più semplice e meno formale della meditazione, ma altrettanto efficace per ridurre lo stress è l’abitudine di essere onesti con se stessi. … omissis … Vivere in una condizione di integrità personale.

 

… omissis … la fonte principale di stress nella nostra vita è la percezione dell’isolamento e dell’alienazione, dell’esclusione dalla compagnia degli altri. Giocare è l’antidoto ideale perché mette in moto le emozioni, e sono le emozioni che ci uniscono, ci ispirano un senso di unità, la sensazione che facciamo parte di qualcosa che è più grande dei nostri piccoli ego separati.

 

Perdonare significa schiudere il cuore e imparare ad amare, che è il motivo per cui siamo qui su  questo pianeta. E’ tanto semplice, eppure è una lezione così difficile da imparare.

17° recensione - Una favola piena di sentimento

Valutazione attuale:  / 0

SCHEDA DI RECENSIONE LIBRO

a cura di Paolo

  

AUTORE: Sergio Bambaren 

TITOLO: Il delfino e le onde della vita (pp.143) 

EDITORE: Sperling & Kupfer 

COSTO: 15,90

 

TEMA TRATTATO: Favola sul senso della libertà e sui limiti della stessa quando subentra l’amore. Un invito a non smettere mai di sognare. 

GIUDIZIO SINTETICO: Una storia bella, semplice, pura sulla vita e sulla sua evoluzione. E vieni avvolto da immagini, colori, suoni, atmosfere magiche come lo è il nostro destino di esseri viventi. Il senso e la necessità di libertà assieme alla consapevolezza delle responsabilità che ci toccano nel corso della nostra esistenza assumono allora il vero significato che hanno nella vita. Si è  pienamente liberi se si ama, se si sa che c’è qualcuno che ci ama. Solo così si assorbe il valore vero della vita: quello di averla in sé e soprattutto di poterla donare, di poterla generare. Vivere è sapere che non ci si ferma, che si deve necessariamente cambiare e che c’è tempo per tutto: per crescere, per conoscere, per innamorarsi, per dare la vita.

Bella favola, bella metafora, bel racconto reso unico dalla magia delle parole, dalla magia della bellezza della natura, dalla profonda consapevolezza sia dei nostri limiti che delle infinite potenzialità che sono in noi. Quindi diventa importante saper sognare, saper fantasticare.

Il suggerimento che emerge è che dobbiamo, per vivere bene ed intensamente, seguire il nostro cuore ed il nostro istinto.  Si comprende allora come “in fondo la libertà è una condizione mentale, null’altro”.

Libro che ti avvolge, che vuole essere letto tutto d’un fiato, che dà emozioni semplici come quella che si prova quando “il sole ed il mare si scambiano il bacio della sera”.  

 

ALCUNE FRASI SUGGESTIVE 

Vivere le esperienze che la vita ci offre è un dovere. Trarne sofferenza oppure gioia, invece, è una nostra scelta. E questa scelta è la causa, non la conseguenza, di un’esistenza felice o infelice.

 

… un’esistenza non autentica è più che triste: è una vita sciupata.

 

La libertà è solo una condizione mentale. Spezza le catene che limitano la tua mente, e sarai libero, sempre e comunque.

 

Quando riesci ad ascoltare la voce della natura, riesci ad ascoltare i bisogni degli altri.

 

Così è la vita: alcune porte si aprono e altre, inevitabilmente, si chiudono. Dipende dalle decisioni che prendiamo.

L’amore è anche imparare a rinunciare all’altro, saper dire addio senza lasciare che i propri sentimenti ostacolino coloro che si amano.

 

“Impossibile” è una parola usata dai deboli per viver tranquilli nel mondo ovattato in cui sono nati. “Impossibile” non è un dato di fatto: è solo un’idea, uno stato mentale, a volte persino una scusa. Nulla è impossibile.

 

Quando desideri qualche cosa con tutto il cuore non esiste niente che possa fermarti, se non le tue paure.

 

Sei tu il padrone del tuo destino. Tutto il resto non conta. I tuoi sogni sono il faro luminoso che ti condurrà sempre verso un porto sicuro. Una mente aperta, la voce del tuo cuore e il desiderio di essere ciò che vuoi essere: questo è tutto ciò di cui avrai bisogno per continuare a raggiungere i tuoi obiettivi, per non smettere mai di realizzare i tuoi sogni. Per vivere una vita unica e solo tua!

 

La paura fa parte della vita. I dubbi fanno parte della vita. A volte anche sentirsi completamente smarriti fa parte della vita. Ma non è certo la fine di tutto! E’ soltanto l’inizio di qualcosa di più grande, che arricchirà il tuo spirito molto più di qualsiasi cosa tu abbia vissuto prima.

 

… vivere le esperienze che la vita ci offre è un dovere. Trarne sofferenza oppure gioia, invece, è una tua scelta.

 

… la vita è movimento, tutto è in perenne cambiamento, ogni cosa segue una legge universale che fa sì che a una stagione ne succeda un’altra, che sul corpo degli esseri viventi compaiano i segni del tempo, che si diventi più vecchi…

 

… in fondo la libertà è una condizione mentale, null’altro, è qualcosa che abita dentro di te.

 

Chi siamo

Chi siamo?

Semplicemente degli amanti della lettura e della conoscenza! Pensiamo che leggere non rappresenti solo un modo per utilizzare piacevolmente il tempo a disposizione ma anche, e soprattutto, un modo per crescere, fare amicizia, conoscere se stessi, vivere bene con gli altri.

Per questo motivo crediamo che far circolare le emozioni che ogni lettore vive leggendo un libro rappresenti il modo migliore per diffondere cultura, amicizia e, alla fine dei conti, benessere.

E leggere diventa stile di vita!

Contatore visite

Oggi34
Ieri55
Settimana355
Mese899
Tutti64950

Statistiche

Utenti
1886
Articoli
407
Web Links
1
Visite agli articoli
218499